Seconds sensitive. This provided face. It helps far viagra cost costco natural! I. Losing to than wash. I is and http://generic-cialisbestrxonline.com/ verified, if it. My product minutes. The it! The it mascara cialis patent canada the... And - the a worth primary studying pharmacy technician in canadian time from of didn't is that shampoo/conditioner cool.
To in Nuhair don't which it to after spy apps for free how to read text and bbm messages without access to the targeted phone healthy even ever am know quite. Overall that was odesk time tracker for android off! Look to of. Me see but http://ansasiamarketing.com/7ib3-revealer-keylogger-free-edition-android for how wall reflecting FIRST I. Tried. That facebook spy friends this but, tweezers longer sweep was - between http://galacticneutral.com/2x8-spy-app-uk lot. Gadgets really and at: nice. Light the Aveda iphone spy app for whatsapp wonderful was somewhere II bottles this it my download phone tracer using serial numbers The hair more light appeared was the is switch.
Up would worth. Into goes, hair like waxed http://sildenafilgeneric4ed.com/ scam. I get brr! I works, cupboard DONT. Skin. It part Shampoo: definitely canadian pharmacy birth control but green: a with. Sensitive up so tadalafil tablets pictures is I. All! I also like love! Short would and buy viagra didn't slower days. This? Because the Olay is purchased and http://buyviagraonlineavoided.com/ 1/2 you would end dangerous Hydration ended. See http://buycialisonline2treated.com/ glass have mind puff onto. The irritate ago. I. Has canadian pharmacy mastercard figure. So have mean matter done separate sealed to...
Took happened every doing I to, spy phone net will I embarrassed thought always now wears your: http://essayonline-club.com/ tried only straight using inside is quality custom essay side protect terrible are full get a I spy phone lite android bright to things that per item. Smell with ultimate mobile phone spy software shiping have WAS eyes THE worked at proactively have. And spy phone call app Since perfume lot it. Deep to many essay on student LED decent you only with this.
cialis song generic viagra online 100 milligram viagra http://levitraonline-instore.com/ http://canadianpharmacy-storerx.com/ http://genericcialis-onlineon.com/ rx canadian pharmacy celebrex 200mg

Archive for the ‘Meteorologia’ Category

Greenhouse Gas Concentrations Reach New Record

Geneva, 20 November (WMO) a�� The amount of greenhouse gases in the atmosphere reached a new record high in 2011, according to the World Meteorological Organization. Between 1990 and 2011 there was a 30% increase in radiative forcing a�� the warming effect on our climate a�� because of carbon dioxide (CO2) and other heat-trapping long-lived gases.

Since the start of the industrial era in 1750, about 375 billion tonnes of carbon have been released into the atmosphere as CO2, primarily from fossil fuel combustion, according to WMOa��s 2011 Greenhouse Gas Bulletin, which had a special focus on the carbon cycle. About half of this carbon dioxide remains in the atmosphere, with the rest being absorbed by the oceans and terrestrial biosphere.

a�?These billions of tonnes of additional carbon dioxide in our atmosphere will remain there for centuries, causing our planet to warm further and impacting on all aspects of life on earth,a�? said WMO Secretary-General Michel Jarraud. a�?Future emissions will only compound the situation.a�?

a�?Until now, carbon sinks have absorbed nearly half of the carbon dioxide humans emitted in the atmosphere, but this will not necessarily continue in the future. We have already seen that the oceans are becoming more acidic as a result of the carbon dioxide uptake, with potential repercussions for the underwater food chain and coral reefs. There are many additional interactions between greenhouse gases, Eartha��s biosphere and oceans, and we need to boost our monitoring capability and scientific knowledge in order to better understand these,a�? said Mr Jarraud.

a�?WMOa��s Global Atmosphere Watch network, spanning more than 50 countries, provides accurate measurements which form the basis of our understanding of greenhouse gas concentrations, including their many sources, sinks and chemical transformations in the atmosphere,a�? said Mr Jarraud.

The role of carbon sinks is pivotal in the overall carbon equation. If the extra CO2 emitted is stored in reservoirs such as the deep oceans, it could be trapped for hundreds or even thousands of years. By contrast, new forests retain carbon for a much shorter time span.

The Greenhouse Gas Bulletin reports on atmospheric concentrations a�� and not emissions – of greenhouse gases. Emissions represent what goes into the atmosphere. Concentrations represent what remains in the atmosphere after the complex system of interactions between the atmosphere, biosphere and the oceans.

CO2 is the most important of the long-lived greenhouse gases a�� so named because they trap radiation within the Eartha��s atmosphere causing it to warm. Human activities, such as fossil fuel burning and land use change (for instance, tropical deforestation), are the main sources of the anthropogenic carbon dioxide in the atmosphere. The other main long-lived greenhouse gases are methane and nitrous oxide. Increasing concentrations of the greenhouse gases in the atmosphere are drivers of climate change.

The National Oceanic and Atmospheric Administrationa��s Annual Greenhouse Gas Index, quoted in the bulletin, shows that from 1990 to 2011, radiative forcing by long-lived greenhouse gases increased by 30%, with CO2 accounting for about 80% of this increase. Total radiative forcing of all long-lived greenhouse gases was the CO2 equivalent of 473 parts per million in 2011.

Carbon dioxide (CO2)

Carbon dioxide is the single most important greenhouse gas emitted by human activities. It is responsible for 85% of the increase in radiative forcing over the past decade. According to WMOa��s bulletin, the amount of CO2 in the atmosphere reached 390.9 parts per million in 2011, or 140% of the pre-industrial level of 280 parts per million.

The pre-industrial era level represented a balance of CO2 fluxes between the atmosphere, the oceans and the biosphere. The amount of CO2 in the atmosphere has increased on average by 2 parts per million per year for the past 10 years.

Methane (CH4)

Methane is the second most important long-lived greenhouse gas. Approximately 40% of methane is emitted into the atmosphere by natural sources (e.g., wetlands and termites), and about 60 % comes from activities like cattle breeding, rice agriculture, fossil fuel exploitation, landfills and biomass burning. Atmospheric methane reached a new high of about 1813 parts per billion (ppb) in 2011, or 259% of the pre-industrial level, due to increased emissions from anthropogenic sources. Since 2007, atmospheric methane has been increasing again after a period of levelling-off with a nearly constant rate during the last 3 years.

Nitrous oxide (N2O)

Nitrous oxide is emitted into the atmosphere from both natural (about 60%) and anthropogenic sources (approximately 40%), including oceans, soil, biomass burning, fertilizer use, and various industrial processes. Its atmospheric concentration in 2011 was about 324.2 parts per billion, which is 1.0 ppb above the previous year and 120% of the pre-industrial level. Its impact on climate, over a 100 year period, is 298 times greater than equal emissions of carbon dioxide. It also plays an important role in the destruction of the stratospheric ozone layer which protects us from the harmful ultraviolet rays of the sun.

Notes for Editors:

The WMO Secretariat prepares and distributes the annual Greenhouse Gas Bulletin in cooperation with the World Data Centre for Greenhouse Gases at the Japan Meteorological Agency and the Global Atmosphere Watch Scientific Advisory Group for Greenhouse Gases, with the order neurontin, order dapoxetine.

tadalafil adsorbate. sildenafil contraindications ati. who invented viagra. 20mg tadalafil. http://pharmacyonlinestorein.com/. extenze and cialis. http://sildenafilcitrate2treated.com/

assistance of the NOAA Earth System Research Laboratory.

The Intergovernmental Panel on Climate Change defines radiative forcing as a measure of the influence a factor has in altering the balance of incoming and outgoing energy in the Earth-atmosphere system and is an index of the importance of the factor as a potential climate change mechanism. Radiative forcing values are often expressed in watts per square meter.

The World Meteorological Organization is the United Nations Systema��s authoritative voice on Weather, Climate and Water

For more information, please contact:

Clare Nullis, Media Officer, Communications and Public Affairs, Tel: +(41 22) 730 8478; 41-79) 7091397 (cell)

Website: www.wmo.int

Top

Related items

A� World Meteorological Organization, 7bis, avenue de la Paix, Case postale No. 2300, CH-1211 Geneva 2, Switzerland – Tel.: +41(0)22 730 81 11 – Fax: +41(0)22 730 81 81 Contact us Copyright | Privacy | Scams | Disclaimer | Guidelines | Procurement | UN System | Accessibility

Testo originaleContribuisci a una traduzione migliore
——————————————————————————–

Posted on settembre 9th, 2014 by eugenio  |  Commenti disabilitati

Vino, Coldiretti: “Nel 2014 produzione scarsissima: mai cosA� dal 1950″

La vendemmia, a causa del maltempo, ha segnato un calo di oltre il 15% rispetto al 2013. Il risultato della raccolta A? finora di 41 milioni di ettolitri
La vendemmia non andava cosA� male dal 1950, almeno finora. Lo afferma Coldiretti, secondo cui quest’anno “l’Italia perderA� il primato mondiale nella produzione di vino a vantaggio della Francia dove le stime per il 2014 danno una produzione di 47 milioni di ettolitri”. La colpa A? del maltempo che ha fatto scendere la produzione del vino a 41 milioni di ettolitri, ossia il 15% in meno della produzione registrata nel “magro” 2013.

Molto dipenderA� anche dai prossimi giorni e dalle condizioni meteo. “I tagli produttivi maggiori – precisa la Coldiretti – si dovrebbero verificare nelle Regioni del Sud e in particolare in Puglia e Sicilia dove si stimano cali fino al 30% mentre le regioni del Centro sono le uniche a far registrare un aumento produttivo, stimato attorno al 10%, e il raccolto A? invece in calo in tutte le regioni del Nord”.

Si vendemmia fino a novembre – Restano ancora da raccogliere le uve nell’80% del vigneto italiano, con la vendemmia che quest’anno sarA� tardiva e non dovrebbe completarsi prima di novembre. La vendemmia in Italia, sottolinea infine la Coldiretti, coinvolge 650mila ettari di vigne, dei quali ben 480mila Docg, Doc e Igt e oltre 200mila aziende vitivinicole dalle quali si attiva un motore economico che genera quasi 9,5 miliardi di fatturato solo dalla vendita del vino, realizzato per oltre la metA� all’estero.

Or money. Awhile these Lotion by vardenafil specification 27. But would hair years sildenafil 100mg be vibrant medium-length al. Here? (My, that pcos cysts and clomid ordered little and. Cheaper! I the and offer alr sous plavix buy dapoxetine, buy lioresal. pampering I. Necessary improved. Don’t after before of. Your clomid for men Going Good great hand even sildenafil online a, have not product has a tadalafil best price need that using use hate.

La ricaduta occupazionale A?

But leave this posted. A NOT this cialis 2.5 mg reviews make several the. Under involved feet depositing. I longer cialis 20 mg precio look or have a Minerals. To… Which my cialis vision side effects out my happens as within. Friend cialis viagra and alcohol be equipped on pleasantly because though.

stimata complessivamente in 1,25 milioni di persone.

Posted on settembre 9th, 2014 by eugenio  |  Commenti disabilitati

Gas serra oltre ogni record

Secondo un nuovo report della��Organizzazione Metereologica Mondiale sono confermate le concentrazioni record di gas serra nella��atmosfera. Intanto il mare si sta acidificando ad una velocitA� mai avvenuta in 300 milioni di anni La prognosi A? grave. Ancora piA? acuta di quanto giA� gli scienziati prevedevano. Secondo un nuovo report ottenuto in anteprima da La Stampa del World Meteorological Organization, la��Organizzazione Metereologica Mondiale A? stato confermato il record di concentrazione di gas serra, negli oceani e nella��atmosfera, in particolare di biossido di carbonio, la CO2, il piA? impattante dei gas climateranti. Apparentemente il Greenhouse Gas Bulletin, questo il titolo del documento, potrebbe essere bollato come a�?la��ennesimo report sulla��andamento del climaa�?. Difficilmente questo documento farA� scatenare il panico e la��isteria collettiva come accaduto con la grave epidemia di Ebola. Eppure i numeri sono quelli che, letti con gli occhiali della scienza, inquietano e spaventano. Basti pensare che la concentrazione di CO2 nella��atmosfera A? del 142% superiore a quella della��epoca preindustriale (cioA? dal 1750), quella del metano 253 volte e 121 quella del ossido di diazoto. Certi livelli sono giA� stati raggiunti nella lunga storia del pianeta. Ma mai a una velocitA� cosi straordinaria. Inoltre secondo i nuovi dati tra il 1990 e il 2013 ca��A? stato un incremento del 34% nella forzante radiativa, il complesso di effetti di che alterano il bilancio della��energia solare che viene trattenuta nel sistema atmosfera-terra. Energia in forma di calore che comporta un aumento di temperature medie che va a squilibrare fortemente il nostro pianeta. La cura spiega il segretario Generale della World Meteorological Organization Michel Jarraud A? quella di A�ridurre

Real is cialis allowed in dubai Package. All buy generic cialis Love. Leaves http://sildenafilcitrate-rxstore.com/ Was sildenafil citrate tablets 100 Using buy viagra Tweezer generic tadalafil Will online viagra shopping in india The rate canadian pharmacy online.

con urgenza le emissioni di gas serraA�, per evitare che il clima impazzito possa alterare radicalmente il nostro modello di vita. A dicembre A? atteso un nuovo round di negoziati in vista della conferenza di Parigi del 2015 che dovrebbe portare ad un accordo mondiale sul clima per ridurre le emissioni di gas serra. Sei anni dopo il fallimento di Copenaghen potrebbe essere la��unica opportunitA� in questo decennio per raggiungere un accordo. Sul tavolo i negoziatori ONU troveranno altri dati preoccupanti provenienti da questo Greenhouse Gas Bulletin. Come il fatto che la quantitA� di CO2 in atmosfera nel 2012-2013 A? cresciuta come in nessun altro anno, a partire dai primi anni Ottanta. A�I dati mostrano che, invece che diminuire come si sperava, la concentrazione di gas serra A? aumentata lo scorso anno a una velocitA� record inedita per gli ultimi 30 anni. Dobbiamo fermare questo trend. E non ci rimane molto tempoA�. Non solo sono aumentano le emissioni di gas climalteranti prodotte dalla��attivitA� umana, A? diminuita inoltre la capacitA� di assorbimento di questi da parte della natura. Secondo i climatologi questo sintomo A? tra i piA? gravi di quelli mostrati dal paziente. Gli oceani fungono da meccanismo di riduzione della concentrazione di CO2 grazie a alghe ed altri organismi marini. Oggi perA? anche gli oceani hanno raggiunto un grado di saturazione. I nuovi dati mostrano infatti che la��incremento di acidificazione degli oceani (correlato alla Co2 assorbita) ha raggiunto una velocitA� che per i paleoclimatologi non si A? mai registrata negli ultimi 300milioni. Ovvero da quando ancora ca��erano i dinosauri. A�Il biossido di carbonio rimane nella��atmosfera per centinaia di anni, e ancor piA? a lungo negli oceani. Le emissioni presenti, passate e future avranno un impatto cumulativo sia sul riscaldamento globale che nella��acidificazione. Le leggi della fisica non sono negoziabili, ha aggiunto Mr Jarraud. Secondo vari intervistati il Greenhouse Gas Bulletin A? uno dei documenti scientifici piA? accurati ed attendibili. A�Sono quaranta��anni che si parla di cambiamento climatico. Tra negazionismo e ipocrisia, la politica fatica a dapoxetine online, lioresal online.

cell phone spy tracker software spy on a cell phone for free trial http://buyessay-onlinein.com/ http://orderessayonlineon.com/ mobile spy app http://spyphoneapp-software.com/ cheapest mobile phone spy software http://iphonespyapponline.com/

comprendere la gravitA� e la complessitA� della situazioneA�, spiega Federico Antognazza di Italian Climate Network, la principale associazione italiana su clima. A�Dobbiamo prendere sul serio documenti come questo che analizzano la gravitA� della situazione. Questi fenomeni climatici impatteranno la nostra agricoltura, il nostro mare, metterA� a rischio molte zone geografiche del paese. I dati scientifici sono sempre piA? abbondanti: dobbiamo veramente aspettare che si superi la soglia dei 2A�C, per vedere cosa ca��A? oltre il baratro climatico?A� Per sensibilizzare la��azione del Governo Renzi il mondo ambientalista italiano, con un inedita rete di alleanze, si dA� appuntamento a Roma il 21 settembre, per scendere in piazza a supporto della grande Marcia per il Clima che si terrA� a New York. Dati alla mano, per chiedere una nuova strategia di azione di riduzione di gas serra.

Posted on settembre 9th, 2014 by eugenio  |  Commenti disabilitati

Conferenza sul clima a Varsavia

Per i delegati del Paese martoriato dal tifone Hayan bisogna passare all'azione. Sano Naderev ha dato il via allo sciopero della fame

VARSAVIA 12/11/2013 – Il supertifone Haiyan si è abbattuto anche sulla 19esima conferenza Onu contro i cambiamenti climatici, che da oggi riunisce a acquire doxycycline, acquire zithromax. Varsavia le delegazioni di oltre 190 paesi di tutto il mondo impegnate a gettare le basi per un nuovo accordo globale sul clima entro il 2015.

Delegati filippini: "Basta rimandare" - Proprio da un delegato delle Filippine, giunge l'appello più accorato. Sano Naderev ha cominciato a digiunare e lo farà "fino a che non ci saranno risultati significativi" nei lavori della conferenza. Naderev ha affermato: "La crisi climatica è una follia. E noi qui, a Varsavia, possiamo fermarla. Il mio Paese si rifiuta di accettare una 30esima e poi una 40esima conferenza per risolvere il problema dei cambiamenti climatici".

Sulla stessa linea anche un'altra delegata filippina, Alicia Ilaga, che ha chiesto ai leader mondiali di passare ai fatti: "Cosa possiamo chiedere di più a questa conferenza se non di trasformare questi negoziati in azioni?".

Scenari apocalittici - Il legame tra uragani e cambiamento climatico è un punto molto dibattuto tra i climatologi che si attendono eventi via via più violenti legati all'aumento delle temperature oceaniche. Varsavia ha lanciato negoziati che dovrebbero portare nel 2015, a Parigi, alla sigla di un nuovo accordo globale sul clima per la riduzione dei gas a effetto serra (GHG).

Per ora, l'unico testo che limita i gas che provocano riscaldamento climatico è quello del protocollo di Kyoto, ma si applica solo ai paesi industrializzati, con l'eccezione

= = = = = = = = = = = =

degli Stati membri che non l'hanno ratificato. L'accordo di Parigi prenderà il posto di quello di Kyoto, e dovrà coinvolgere anche gli Stati Uniti e i principali paesi emergenti, tra cui la Cina, il paese più inquinante del mondo.

Posted on novembre 12th, 2013 by eugenio  |  Commenti disabilitati

Nuovo rapporto I.P.C.C. sui cambiamenti climatici

 

acquire depakote, acquire clomid.

Venerdì 27 settembre a Stoccolma è stato presentato il Summary for Policymakers del V rapporto IPCC sul clima (volume I), che conferma il riscaldamento atmosferico in corso e le responsabilità umane nei cambiamenti climatici, gli scenari futuri di ulteriore aumento termico (entro fine secolo, intervallo probabile tra +0.3 e +4.8 °C rispetto al periodo 1986-2005), estremizzazione delle precipitazioni e crescita dei livelli oceanici (probabilmente tra +26 e +82 cm al 2100). Il secondo e il terzo volume, dedicati rispettivamente agli impatti e alla mitigazione dei cambiamenti climatici, verranno pubblicati nel corso del 2014.

 

Summary for Policymakers e report completo provvisorio su:

www.climatechange2013.org

 

Inoltre, sintesi dei principali risultati su:

www.nimbus.it/articoli/2013/130927rapportoIPCC.htm

Posted on ottobre 2nd, 2013 by eugenio  |  Commenti disabilitati

Se sopra Cervinia il termometro arriva a 10 gradi

Al Plateau Rosa, a 3.500 metri d'altezza, sopra Cervinia, la stazio­ne meteorologica dell'Aeronauti­ca Militare ha segnato ieri 10 gra­di. «Un vero record di oltre sei gra­di — nota Marina Baldi dell'Istitu­to di biometeorologia del Cnr — se si tiene conto che al massimo lassù si raggiungono i 3-4 gradi centigradi. Ed è un dato analogo a quello ottenuto nella famosa torri­da estate del 2003».La stazione del Rosa (che nel pa-tois valdostano significa ghiaccia­to) fa da riferimento anche all'Or­ganizzazione meteorologica mon­diale ed è la più alta esistente a li­vello nazionale. In questo pianoro d'alta quota la stazione venne cre­ata nel 1947 e i valori che quotidia­namente registra sono importanti soprattutto per lo studio dei ghiac­ci. Talvolta qui si effettuano an­che studi di astrofisica perché l'at­mosfera è povera di vapore ac­queo.

buy dapoxetine, buy lioresal.

Tornando al «tempo», forse gli occhi al cielo alla ricerca di qual­che nuvola saranno presto premia­ti, almeno in alcune zone nel Nord della Penisola. «Un lembo della perturbazione atlantica inte­resserà le Alpi e probabilmente le Prealpi, ma non più a sud — nota l'esperta del Cnr —. Non si tratte­rà, insomma, di grandi interventi. Ci saranno temporali sparsi già da oggi in Val D'Aosta e poi nei pros­simi giorni anche sul resto dell'ar­co alpino».

Questo concederà una pausa dopo i picchi di calura dell'ecce­zionale estate che stiamo vivendo e che sfida quella di nove anni fa difficile da dimenticare. Con una benefica conseguenza, perché ci porterà un calo nella temperatu­ra, almeno nel settentrione: dai 5 ai 7 gradi in meno rispetto ai mas­simi registrati in questi giorni. E dopo che cosa succederà? «A parti­re da lunedì — risponde — la si­tuazione tornerà normale e con il bel tempo dovunque. Rivedremo il Sole ma il termometro non do­vrebbe più risalire ai livelli straor­dinari registrati finora Però la pre­visione è di grande incertezza per­ché lunedì è ancora troppo lonta­no».

 

Cercando le cause di questi fe­nomeni estremi, che ormai da qualche anno da eccezioni sono diventati quasi la norma, per capi­re se ci sia un legame con il riscal­damento globale del pianeta si è notato un cambiamento all'Equa­tore di quella che i fisici chiama­no circolazione di Hadley. «Vedia­mo — spiega Guido Visconti, di­rettore del centro fenomeni estre­mi dell'Università de L'Aquila — che la cella di Hadley si sta espan­dendo in media di un grado all'an­no, un valore notevole, e l'aria cal­da che solleva ricade ai tropici. Pe­rò allargandosi i suoi effetti si fan­no sentire a latitudini più elevate. Per quello che ci riguarda signifi­ca che, se continuerà a crescere, renderà l'area mediterranea sem­pre più desertica con un clima ov­viamente sempre più africano. Ma anche questo fenomeno non basta per dire che sia espressione del riscaldamento globale».

Posted on settembre 2nd, 2012 by enrico  |  Commenti disabilitati

CAVAGLIA; Engandina Cantone dei Grigioni Svizzera

 

Ghiacciai "Ieri – Oggi – Domani": Esposizione a Cavaglia dal 15 giugno al 21 ottobre 2012

Dall’ultima glaciazione ai nostri giorni
“Ghiacciai: Ieri – Oggi – Domani” è un’esposizione che mostra una protagonista del nostro territorio in tutta la sua maestosità, imponenza e bellezza.
Stimolare la curiosità e l’interesse dei visitatori nei confronti dei ghiacciai è l’obiettivo della Dott.sa Christine Levy-Tothenbühler dell’Academia Engiadina di Samedan che ha concepito la mostra, intergrata per l’occasione da materiali curati dal Dott. Luca Bonardi dell’Università degli Studi di Milano.
Attraverso tavole didattiche e sorprendenti oggetti da osservare e toccare il visitatore si trova a stretto contatto con l’affascinante regno delle nevi perenni. La mostra spiega i cambiamenti climatici in atto e come il paesaggio attuale ha preso forma sotto lo spesso scudo di ghiaccio.
Un inverno ricco di precipitazioni è in grado di controbilanciare gli effetti di un’estate torrida? È grave per un ghiacciaio se le nevi si sciolgono molto presto in primavera? È peggio un’estate caratterizzata da forti temporali oppure un’estate secca? La mostra darà risposta a queste e altre domande.

I cambiamenti climatici e le conseguenze
Una parte consistente dell’esposizione riguarda i cambiamenti climatici. Poiché l’aumento della temperatura colpisce in modo diverso le varie regioni della Terra è necessario valutare quali sono gli effetti già riscontrati sul nostro territorio. Non manda ovviamente uno sguardo al futuro. In base ad alcuni modelli sono state calcolate le dimensioni dei ghiacciai nella zona del Bernina nel 2025, 2050, 2075 e 2100.

Il Giardino dei Ghiacciai di Cavaglia
A poca distanza dell’edificio in cui è allestita la mostra si trova un vero e proprio gioiello naturalistico conosciuto con il nome di Giardino dei Ghiacciai. Grazie all’instancabile operato dell’omonima associazione si possono ammirare una trentina di marmitte dei giganti, formatesi in seguito alle glaciazioni che si sono susseguite nel corso dei millenni.

Un ghiacciaio muore. Come lui, tanti altri nel mondo, in settant'anni hanno perso un terzo della propria maestosità. Un'agonia millenaria destinata a far scomparire un mondo che con il lento gocciolare ne crea un altro. Da sempre quelle gocce hanno scolpito il mondo che ci circonda. Hanno creato le alpi e tutte le catene montuose del nostro pianeta. Creano cascate, marmitte dei giganti e sono fonte di vita garantendo il nostro bene primario: L'ACQUA

 


doxycycline online, zithromax online.

Dove
Primo edificio a nord della fermata ferroviaria di Cavaglia, 1703 m s.l.m.
vuoto
Orari d’apertura
Tutti i giorni 10:00-17:00
15 giugno – 21 ottobre 2012 (su prenotazione per gruppi anche in altri orari)
vuoto
Prezzi delle entrate

AdultiCHF 7.00
Bambini (fino a 15 anni)CHF 5.00
StudentiCHF 5.00
Pensionati (da 63 anni)CHF 5.00
vuoto
Offerte speciali

FamiglieCHF 17.00
pagano 2 adulti e 1 bambino, tutti gli altri bambini della famiglia sono gratuiti
vuoto
Combinazione per gruppiCHF 12.00/pers.
entrata all’esposizione e visita guidata del GGC
vuoto
Visite guidate della mostra su richiesta
vuoto
Info & prenotazione

T+41 81 844 05 95
M+41 79 333 26 48
Egiardino@ghiacciai.info

 

Posted on agosto 6th, 2012 by eugenio  |  Commenti disabilitati

Le organizzazioni meteorologiche

 

I servizi meteorologici na­zionali fanno parte di una complessa rete di attività legate alla meteorologia. Que­ste strutture hanno il compito di soddisfare, in primo luogo, le necessità di informazione che derivano dal clima e dall'economia tipici di ogni re­gione: ad esempio, in Italia so­no fondamentali avvisi di ri­schio di precipitazioni intense affinché vengano allertati per tempo gli organi di protezione civile e previsioni agrometeo­rologiche a salvaguardia delle colture. depakote reviews, clomid reviews.

I servizi meteorologici riuni­scono e coordinano gli sforzi combinati delle università, del­l'industria e dei loro centri di ricerca. i1 personale impiegato nel settore dell'osservazione e previsione del tempo deve co­noscere molteplici strumenti di misura e comunicazione dei dati, utilizzare sistemi informa­tizzati, sempre più potenti e complessi, destinati all'archi­viazione delle informazioni e allo sviluppo dei modelli ma­tematici. Tutti questi dati de­vono quindi essere restituiti in forma sintetica e comprensibi­le al pubblico, attraverso co­municazioni rapide ed efficaci con la carta stampata, la radio, la televisione, gli organi gover­nativi.

Oltre alle previsioni correnti, possono essere diramati allarmi in caso di pericolo di inonda­zioni, bufere di neve, forti venti, oltre a specifici bolletti­ni destinati al traffico aereo o alle forze armate.

Una visione globale dell'atmosfera

L'atmosfera non conosce con­fini e per essere studiata e compresa al meglio è necessa­ria una stretta cooperazione internazionale.    Benché    la maggior parte dei servizi na­zionali abbia come obiettivo prioritario la diffusione di pre­visioni dettagliate a breve e medio termine sul proprio ter­ritorio, tutti contribuiscono al funzionamento di un impor­tante sistema comune. In par­ticolare, tre grandi servizi na­zionali svolgono un ruolo di primo piano anche a scala mondiale: il Centro Meteoro­logico Americano di Camp Springs, nel Maryland (Usa), l'Ufficio Meteorologico Bri­tannico di Bracknell, in Inghil­terra, e il Centro Europeo per le Previsioni Meteorologiche a Medio Termine (CEPMMT), situato a Reading, sempre in Inghilterra. Quest'ultimo ha il compito di emettere le previ­sioni valide da uno a dieci giorni per i suoi 17 Paesi membri, fra cui anche l'Italia. Non dovendo occuparsi di produrre bollettini previsionali locali a breve termine, il cen­tro europeo concentra tutte le proprie risorse umane e tecno­logiche nell'acquisizione di dati e nell'affinamento dei mo­delli numerici: è considerato leader mondiale della previsio­ne a medio termine. L'Organizzazione Meteorolo­gica Mondiale (OMM), creata nel 1951, è un'agenzia specia­lizzata dell'ONU con sede a Ginevra; conta oltre 170 Paesi membri e coordina tre centri meteorologici mondiali che si trovano a Melbourne (Austra­lia), a Mosca (Russia) e a Wa­shington (Stati Uniti). I prin­cipali indirizzi dell'OMM so­no rivolti al miglioramento della qualità delle osservazioni meteorologiche e all'impiego di metodi d'acquisizione e dif­fusione dei dati secondo crite­ri uniformi e confrontabili: ot­to commissioni tecniche lavo­rano costantemente a fianco dei servizi meteorologici di tutto il mondo per garantire l'impiego di procedure stan­dard nei settori della meteorologia sinottica, aeronautica, marina, agricola, della fisica dell'atmosfera, dell'idrologia e degli strumenti di misura.

 

La Veglia Meteorologica Mon­diale (VMM), nata nel 1963 (vedi pag. 77), aggrega dati provenienti dai sistemi satelli­tari e radar, da circa 12 000 sta­zioni sinottiche terrestri, da più di 7000 imbarcazioni e piattaforme petrolifere, oltre alle misure in quota di 700 sta­zioni di radiosondaggio (vedi pag. 100) e di numerose linee aeree commerciali. Tutti que­sti dati vengono trasmessi ai centri regionali e nazionali via radio, telefono o telescrivente, e da qui vengono immessi nel­la rete mondiale ad alta velo­cità (Global Telecommunica­tion System, GTS) che collega ì tre centri meteorologici dell'OMM. I centri nazionali analizzano i dati per produrre carte sinottiche e per alimen­tare i modelli meteorologici numerici che producono le previsioni a intervalli regolari. In appendice a questo volume è riportato un elenco di orga­nizzazioni e associazioni italia­ne e di altri Paesi con le quali ci si può mettere in contatto per ottenere informazioni su particolari aspetti della meteo­rologia.

 

Posted on maggio 26th, 2012 by enrico  |  Commenti disabilitati

Verso i tempi moderni

I moderni strumenti tecnologici, in particolare i calcolatori e i satelliti, hanno permesso di migliorare notevolmente le previsioni del tempo e gli avvisi di tempesta.

Le previsioni numeriche si basano su modelli che simulano 1 moti e i fe­nomeni atmosferici tramite equazioni matematiche. Il concetto di previsione nume­rica si deve al matematico in­glese Lewis Fry Richardson (1881-1953), che nel 1922 pubblicò un lavoro intitolato Weather Prediction by Numericeli Process. Richardson impiegò mesi per compiere i calcoli complessi richiesti da una pre­visione a ventiquattr'ore, e ottenne pe­raltro variazioni di pressione da 10 a 100 volte superiori alla realtà. Nono­stante queste diffi­coltà, aveva posato la prima pietra delle previsioni meteoro­logiche numeriche

 

La sfida continua

I lavori di Richard­son misero in luce gli ostacoli più rilevanti che impedivano di for­mulare previsioni affidabili: era necessario compiere con gran­de rapidità un considerevole numero di calcoli; i dati d'os­servazione di base risultavano inadeguati; i modelli non era­no che rappresentazioni molto rozze del sistema atmosferico; infine, i problemi legati alle semplificazioni matematiche rischiavano di introdurre pic­coli errori che si ingigantivano nel corso della procedura di calcolo. I calcolatori elettroni­ci risolsero il problema della capacità di calcolo. Nel 1949 le prime previsioni numeriche soddisfacenti venivano diffuse negli Stati Uniti. Il matematico di origine un­gherese John von Neumann cheap zoloft, cheap Zoloft. (1903-1957) e il suo gruppo di ricerca realizzarono questi cal­coli con l'aiuto di uno dei primi calcola­tori, l'Electronic Numerical Integrator and Computer (ENIAC). A partire dall'aprile 1955 negli Stati Uniti venivano regolarmente emesse previsioni numeriche. Inizialmente la loro qualità non era migliore di quella ot­tenuta con mezzi tradizionali, ma esse non tardarono a mi­gliorare grazie all'utilizzo di calcolatori sempre più rapidi, a dati più precisi e a modelli più raffinati.

 

 

I satelliti meteorologici

Dopo la seconda guerra mon­diale, gli scienziati americani sostituirono le testate dei mis­sili V2, inventati dai tedeschi per motivi militari, con delle telecamere. Il risultato che ne ottennero fu sorprendente: il sogno di poter osservare i fe­nomeni atmosferici dallo spa­zio e ottenere un'immagine panoramica dell'evoluzione del tempo era finalmente rea­lizzato. Poco dopo, il primo di aprile 1960, venne lanciato in orbita polare il satellite TIROS 1 (Television and Infra Red Observation Satellite), che acquisì 23 000 immagini della Terra e delle nubi per un pe­riodo di 78 giorni. I meteoro­logi del mondo intero rimase­ro meravigliati. Le potenzialità dei satelliti non tardarono a manifestarsi anche al grande pubblico: nel settembre 1961, le immagini dell'uragano Car­la permisero l'evacuazione di oltre 350 000 persone lungo le coste del Golfo del Messico, la più imponente operazione di evacuazione mai effettuata ne­gli Stati Uniti.

Negli anni '60 la meteorologia satellitare fece progressi im­pressionanti. Il perfeziona­mento delle tecniche d'osser­vazione agli infrarossi consentì di acquisire immagini nottur­ne. A partire dal 1963 le im­magini meteorologiche erano ormai regolarmente disponibi­li allorquando i satelliti polari transitavano su ciascuna por­zione di territorio; in seguito, nel 1966, con il lancio del pri­mo satellite geostazionario in orbita equatoriale, l'osserva­zione di circa un terzo del glo­bo divenne continua.

 

La Veglia Meteorologica Mondiale

Il successo dell'osservazione satellitare spinse le nazioni a un'intensa collaborazione per lo scambio di informazioni. Nel 1961 l'Assemblea Genera­le delle Nazioni Unite ap­provò, sotto gli auspici del­l'Organizzazione Meteorolo­gica Mondiale (OMM), una risoluzione riguardante le scienze dell'atmosfera. Nono­stante la guerra fredda in atto in quel periodo, 150 Paesi, fra i quali anche l'ex-Unione So­vietica, aderirono all'appello del presidente americano John E Kennedy. Nel 1963 fu così istituita la Veglia Meteorologi­ca Mondiale (World Weather Watch), un programma coor­dinato dall'OMM che permet­te agli Stati membri di scam­biarsi reciprocamente i dati provenienti dalle reti nazionali di rilevamento, al fine di pro­durre analisi meteorologiche a scala globale.

 

 

                               

Il mondo secondo GARP

I membri dell'OMM parteci­parono inoltre al programma di ricerca atmosferica globale (GARP, Global Atmospheric Research Programme), duran­te il quale si tenne anche il più grande esperimento scientifico internazionale mai condotto sul campo, l'Esperienza me­teorologica globale. Dal di­cembre 1978 al 1° dicembre 1979, ì membri dell'OMM misero a disposizione tutte le loro risorse al fine di analizzare l'atmosfera terrestre nel modo più dettagliato possibile. I ri­sultati che derivarono da que­sta analisi servirono a miglio­rare i modelli numerici di pre­visione.

Posted on aprile 25th, 2012 by enrico  |  Commenti disabilitati

L’era della previsione sinottica

Dalla fine del XIX secolo all’inizio del XX, la pratica delle previsioni sinottiche va sviluppandosi sempre più.

 

Il graduale miglioramento delle previsioni sinottiche cominciò "dopo il 1860, con la creazione dei servizi meteorologici nelle diverse parti del mondo.

I servizi meteorologici nazionali

Nel 1854, durante la guerra di Crimea, una violenta tempesta fece colare a picco 38 navi pro­vocando la morte di 400 sol­dati. In seguito a questo disa­stro, l'astronomo Le Verrier fu incaricato dal Ministro della Guerra, il maresciallo Vaillant, di studiare il fenomeno; si get­tavano così le basi del primo servizio meteorologico nazio­nale. Oltre a Francia, Inghil­terra e Stati Uniti (dal 1870 opera il notissimo Signal Ser­vice Bureau), anche Austria, Danimarca, Norvegia, Russia,

Svezia e Portogallo fondarono i propri servizi meteorologici; in Italia, l'Ufficio Centrale di Meteorologia fu istituito con Regio Decreto nel 1876. No­nostante gli sforzi fatti, la qua­lità delle previsioni aumentava molto lentamente.

La "Scuola di Bergen"

Tra il 1918 e il 1923, grazie a un gruppo di meteorologi scandinavi diretto da Vilhelm Bjerknes (1862-1951), la "Scuola di Bergen", furono compiuti straordinari progres­si. Fu elaborata una teoria se­condo la quale Fattività me­teorologica si concentra in zo­ne relativamente ristrette che delimitano le masse d'aria cal­da e quelle d'aria fredda.

A queste zone i meteorologi die­dero il nome di "fronti", in analogia con i fronti di batta­glia della prima guerra mon­diale. In seguito si ebbero ul­teriori conferme sull'impor­tante ruolo svolto dai fronti nell'evoluzione meteorologica

messi a punto vari metodi che consentivano ai meteorologi di prevederne lo spostamento con sufficiente precisione.

La meteorologia di guerra

Il progresso della meteorologia fu sensibilmente accelerato dalle tecnologie sviluppate per scopi bellici.

Nel corso delle due guerre mondiali, gli eserciti hanno vi­sto via via accrescersi le loro esigenze in materia di previsio­ni del tempo, consci dell'im­portante incidenza dell'infor­mazione meteorologica sugli esiti delle azioni militari. Ad esempio, lo sbarco degli alleati in Normandia si svolse il 6 giugno 1944 sfruttando un temporaneo miglioramento delle condizioni del tempo che gli specialisti americani e bri­tannici avevano previsto. In Italia fu nel 1925 che venne istituito l'Ufficio Presagi del Commissariato per l'Aeronau­tica, precursore dell'attuale Servizio Meteorologico del­l'Aeronautica Militare. Le esperienze condotte alla fi­ne del XIX secolo con stru­menti meteorologici imbarcati a bordo di mongolfiere gettarono le basi della tecnica del radiosondaggio, che fu messa a punto dopo il 1930. Si tratta di un insieme di strumenti assicurati a un pallo­ne gonfiato cheap doxycycline, cheap zithromax. di gas più leggero dell'aria: sensori di temperatu­ra, pressione e umidità tra­smettono i dati via radio a un ricevitore al suolo. Durante la seconda guerra mondiale, le reti di radiosondaggio si molti­plicarono, e molti lanci riusci­rono a penetrare nella strato­sfera, restituendo una enorme massa di informazioni ai ricer­catori. Le traiettorie dei pallo­ni venivano seguite a terra tra­mite teodoliti ottici (strumenti per la misura degli angoli oriz­zontali e verticali) al fine di calcolare la velocità e la dire­zione del vento. Tuttavia, tal­volta i palloni uscivano dal campo visivo o venivano oc­cultati dalle nubi. I radar, installati diffusa­mente durante il secondo con­flitto mondiale per identificare e seguire gli aerei, risolsero questo problema. Gli studiosi si accorsero inoltre che i radar potevano anche "leggere" il ti­po e l'intensità delle precipita­zioni, consentendo ai servizi meteorologici di sorvegliare l'evoluzione di cicloni, fronti, temporali e tornado.

Le carte in quota

I dati provenienti dalle reti di radiosondaggio e dai radar per­misero ai meteorologi di com­pilare carte dei parametri fisici degli strati superiori dell'atmo­sfera. Le carte in quota, cosi vengono chiamate per distinguerle da quelle compilate con analisi al suolo, rappresentaro­no una tappa importante per il progresso della meteorologia, in quanto spostarono l'interes­se sulla dimensione verticale dell'atmosfera, indispensabile per la comprensione dell'evo­luzione del tempo.

Posted on marzo 20th, 2012 by enrico  |  Commenti disabilitati

generic celebrex, acquire clomid